mercoledì 13 febbraio 2013

Il respiro del drago - Dragon's breath

Come qualcuno avrà già notato, l'arte orientale mi interessa molto, sia livello di forma che al livello di concezione. E' con questa filosofia che ho "accettato" di convertirmi (parzialmente) all'astratto o meglio, al semi-astratto.
Ho amato ed amo tuttora l'arte figurativa in tutte le sue espressioni, dai quadri classici (in particolare i "Manieristi" come Pontormo, Rosso Fiorentino, Bartholomeus Spranger, Dosso Dossi, Girolamo da Carpi che guarda caso non si possono proprio definire classici) alle graphic novel, dai fumetti Bonelliani (Dylan Dog , Nathan Never) ai manga (Ryoko Ikeda, Yoshikata Amato, Masakazu Katsura).
Mi piace la costruzione anatomica con le sue problematiche e le sue espressioni, ma volevo riuscire a trovare uno "sfogo" artistico che mi allentasse dalla pignoleria cronica dalla quale spesso sono sopraffatta. Per questo ora ho trovato nell'espressione filo-asiatica, un legame che non tradisce la mia idea artistica ma la completa.
E' stata la letteratura (Issa, Riokan e il moderno Mishima) che mi ci ha fatto avvicinare con circospezione, per poi esplodere in una gioiosa ricerca di forme e colori.


As someone has already noted, the oriental art interests me very much, both a technical level both the level of conception. Is with this philosophy, that I "accepted" to convert me (partially) to the abstract art or better, semi-abstract.
I loved and still love the arts in all its forms, from classic paintings (in particular the "Mannerist" as Pontormo, Rosso Fiorentino, Bartholomeus Spranger, Dosso Dossi, Girolamo da Carpi, who happens you can not really define classic) to the graphic novel, from the Bonelli comics (Dylan Dog, Nathan Never) to manga (Ryoko Ikeda, Yoshikata Amato, Masakazu Katsura).
I like the anatomic construction with its problems and its expressions, but I wanted to be able to find a "vent" artistic to loosen the chronic fussiness from which I am often overwhelmed.
So now I found in the Asian expression , a bond that does not betray my artistic idea but completes it.
It was the literature (Issa, Riokan and the modern Mishima) who I made ​​us approach with caution, and then explode in a joyous looking for shapes and colors.

Dragon's breath - Acrilyc on Wood
Ci può essere armonia in una macchia che diventa antropomorfa, se guardata a lungo, poichè l'occhio cerca di ricondurre comunque la percezione all'universo conosciuto, una nuvola può mutare in un animale, un'ombra può somigliare ad un diavolo o a una farfalla (Rorschach).
Così perdonerete il mio lungo preambolo per mostrarvi il drago nascosto in questa semiluna....
Un oggetto che mi soddisfa molto e che mi ricorda le preziose lacche cinesi.

*****************************************************************

There can be harmony in a spot that becomes anthropomorphic, if you look at it for long time, because the eye tries to bring the perception still known universe, a cloud can change into an animal, a shadow may resemble a devil or a butterfly (Rorschach).
So forgive my long preamble for show you the hidden dragon in this crescent Moon....
An object that satisfies me a lot and that reminds me of the precious Chinese lacquer.

Il respiro del drago - Dragon's breath Wooden Pendant - OOAK
In quanto alla mia atavica pignoleria, vi svelerò un segreto.
Ho sempre pensato che fare astratto implicasse spendere molto meno tempo che eseguire un'illustrazione figurativa.
Nulla di piu' sbagliato (sigh).. Per creare qualcosa di degno non basta gettare macchie a caso, bisogna muovere la materia (e i colori) con pazienza e competenza, finchè non si raggiunge il risultato voluto. Ho buttato via una marea di esperimenti (giudicati "bellissimi" da chi mi sta accanto ma pessimi da me) e ne sono comunque contenta, a parte lo spreco di prezioso materiale. Per eseguire il ciondolo che vedete, ci metto all'incirca un paio di giorni compreso l'assemblaggio. E' come creare una miniatura, ma lo schema è variabile, capriccioso e a volte beffardo.....
 

5 commenti:

  1. Questo post è bellissimo, grazie per averlo condiviso!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo post; sono d'accordo con te. Le forme astratte non richiedono meno tempo e l'espressione "muovere la materia" è estremamente profonda!

    RispondiElimina
  3. Meravigliosa creazione... (come sempre) ... e la tua ispirazione si vede e si sente! Grazie per aver condiviso le suggestioni ed ispirazioni che muovono il tuo lavoro!

    RispondiElimina
  4. Veramente molto bello e l'ispirazione orientale ha dato un occhio particolare alla creazione. Complimenti

    RispondiElimina
  5. Beautiful! I love the hidden dragon. I came across your blog via the Etsy Heartsy team. :)

    RispondiElimina